Home - Dilloagiulia

Una legge contro l’omotransfobia è sintomo di Civiltà.

Lascia una testimonianza della violenza che hai subito in prima persona o di cui sei stato testimone. Puoi farlo anche in anonimo. Trasforma gli abusi in un contributo per ottenere giustizia: dilloagiulia.it continuerà a raccogliere testimonianze da tutta Italia, fino a quando saranno troppo numerose per poter essere ignorate. #donotcover

Siamo online da:

I numeri raccontano l'odio:

342

Vostre testimonianze (raccolte in un mese)

63

Denunce ufficiali(Dati OSCE 2017)

Lascia la tua testimonianza

Il contenuto è moderato, le testimonianze che conterranno un linguaggio offensivo o discriminatorio non verranno pubblicate.

Non si fornisce consulenza legale

A.S, 27

Brescia

Cinque anni fa su un pullman urbano in tarda sera un ragazzo, di anni intorno ai 20 e i 25 anni, sputò addosso a me e la mia ragazza di allora solo perché ci eravamo scambiate un bacio a stampo.

Marisol , 11

Crotone

L'amore e amore nn importa che sessualità ami dico solo una cosa hai omofobi "siamo persone normali come tutti nn importa chi ami che sessualità Ami! Basta che ami veramente il cuore la vita e questa basta Odiarci nn a senso Ok?! Stop Omofobia"....

Carlo, 22

Ascoli Piceno

Ciao, bella iniziativa. Anch'io sono "diverso" perché nel mio gruppo sono ormai tutti gay. Non fanno che offendermi e io ci sto male. Sta capitando lo stesso per assurdo alla mia raga,in palestra la prendono in giro e nello spogliatoio non fanno che molestarla. Forse voi che siete piu sensibili potete pubblicare anche noi nessuno ci da atenzione per questo tipo di discriminazione di cui ancora non si parla. Grazie

Fra, 21

Roma

Non ho mai ricevuto alcun atto di bullismo grave omofobo solo perché pratico culturismo. Purtroppo quando pensavo 46 kg invece a volte venivo preso in giro anche se non era per la mia omosessualità. Sono pronto a combattere anche con i denti. Per lottare contro le disuguaglianze

Ale, 15

Potenza

Ce ne sarebbero tante, ma come tutto nella vita, c'é sempre qucosa che ti rimane più a lungo. Sentorsi dire dai propri capi SCOUT, che l'omosessualitá é un problema, e bisogna saper dare la chiave per risolverlo. Sentir dire da un professore, di evitare affettuositá in publicó, o comunque a scuola. Sentir parlare la propria famiglia con parole assurde, e una voglia di scoppiare a piangere che ribolisce dentro. Non saranno violenze fisiche, ma sento di essere stata violata. Io ci sono contro questa gente.??‍♀️

Lori, 15

Milano

vengo sempre squadrato male quando esco di casa solo perché ho dell'illiuminante, ed è capitato che qualcuno mi abbia anche insultato per questo motivo, non sai mai come reagire, mi sento impotente, e ho paura di rispondere, non posso sapere chi mi trovo difronte

Anonimo, 19

Napoli

Testimonio per un mio amico, a cui hanno rubato il cellulare dopo averlo spinto a terra e chiamato “frocio”. Non ne possiamo più. Legge contro l’omobitransfobia adesso.

Honey’s97 , 22

Foggia

Sono un ragazzo T e 3 mesi fa ebbe inizio questo incubo. Ero in giro con la ragazza che mi piace ed eravamo Seduti su un muretto basso a fare due chiacchiere e sorseggiare una birra quando sento un rumore come se fosse arrivato Qualcosa contro la cancellata che avevo alle mie spalle e li ho continuato a chiacchierare quando poi mi sento colpire forte dietro la schiena guardo a terra e noto un sasso che non c’era aspetto ancora un po’ poi decido di alzarmi e capire perché di questo atto nei miei confronti. Arrivo davanti a questi ragazzetti di 10/11 anni e gentilmente chiedo il perché di questo gesto e il più bassino che era quello che mi ha lasciato i sassi ha risposto: “perché sei una lesbica di m***a e te lo meriti” e qualsiasi cosa io dicessi era quella la sua risposta quando poi lo invito a tornare a casa data l’ora un po’ inoltrata lui si avvicina come se volesse prendersi a botte tira un calcio che schivo poi si blocca e dice vai a chiamare qualche maschio vero e se ne andò

M.M., 16

Ravenna

Sono lesbica e nella scuola in cui vado (a Forlì) molti mi accettano diversamente da quelli di Ravenna o almeno questo è quello che ho pensato inizialmente. Dopo il primo mese tutta la scuola sapeva che io fossi lesbica. Quelli più grandi iniziarono a guardarmi male e a fare commenti poco piacevoli, mentre i primini (per fortuna non tutti) iniziarono a fare commenti pesantemente omofobi sul fatto che ciò fosse contro natura e che i gay fanno schifo. Ma la frase che mi ha colpita maggiormente è stata:" le lesbiche vanno bene perché tanto servono solo per i porno ". Sono circondata da dementi ma non ci sono solo io, ci sono altre ragazze lesbiche o bisex che potrebbero non reggere la situazione. Io boh non so in che società viviamo.

M.M., 16

Ravenna

Sono lesbica e nella scuola in cui vado (a Forlì) molti mi accettano diversamente da quelli di Ravenna o almeno questo è quello che ho pensato inizialmente. Dopo il primo mese tutta la scuola sapeva che io fossi lesbica. Quelli più grandi iniziarono a guardarmi male e a fare commenti poco piacevoli, mentre i primini (per fortuna non tutti) iniziarono a fare commenti pesantemente omofobi sul fatto che ciò fosse contro natura e che i gay fanno schifo. Ma la frase che mi ha colpita maggiormente è stata:" le lesbiche vanno bene perché tanto servono solo per i porno ". Sono circondata da dementi ma non ci sono solo io, ci sono altre ragazze lesbiche o bisex che potrebbero non reggere la situazione. Io boh non so in che società viviamo.

ginnie, 13 anni

Catania

ho capito da molto piccola il mio essere omosessuale, e per me non è mai stato un problema accattarlo; io sono così e mi va bene. quando agli inizi della seconda media feci coming out nella mia classe i riscontri furono più negativi che positivi.molti insegnanti la presero bene, mi accettano così come sono e non si fanno problemi. quattro o cinque sono i miei compagni di classe che lo accettano, il resto non fanno che tormentarmi, quasi quotidianamente, per questo fatto. ogni giorno trovano la scusa per ricordarmi il mio essere """diversa""" da loro, ma il colmo è avvenuto verso ottobre, quando due miei compagni durante un ora di autogestione mi hanno circondata dicendomi cose tipo "la tua famiglia deve vergognarsi di te", "a tuo padre non fai schifo?", "lesbica di merda, sei contro natura". perché devo subire questo?cos'ha di sbagliato il mio modo di amare? io sono attratta dalle ragazze e questo le persone lo vedono come un male.

M, 16

Padova

Nel liceo dove studio l'omofobia è dilagante,e ancora peggio è coperta da un velo di ipocrisia e moralismo che cela tantissimo odio e ignoranza. Le persone dicono di non essere omofobe, salvo poi discriminare, bullizzare e trattare come diverso chi non è etero e conforme.