Home - Dilloagiulia

Una legge contro l’omotransfobia è sintomo di Civiltà.

Lascia una testimonianza della violenza che hai subito in prima persona o di cui sei stato testimone. Puoi farlo anche in anonimo. Trasforma gli abusi in un contributo per ottenere giustizia: dilloagiulia.it continuerà a raccogliere testimonianze da tutta Italia, fino a quando saranno troppo numerose per poter essere ignorate. #donotcover

Siamo online da:

00

Anni

00

Mesi

00

Giorni

00

Ore

00

Minuti

Ad oggi ci sono state:

263

Vostre testimonianze

63

Denunce ufficiali(Dati OSCE 2017)

Lascia la tua testimonianza

Il contenuto è moderato, le testimonianze che conterranno un linguaggio offensivo o discriminatorio non verranno pubblicate.

Non si fornisce consulenza legale

Chiara, 17

Cuneo

Ho fatto coming out un anno fa credendo di vivere in una società che ormai mi avrebbe accettata eppure molte mie amiche si sono allontanate e la gente mi rivolge insulti e minacce. Tutte le mattine avevo paura di andare a scuola. L'ho detto ai miei genitori e me l'hanno fatta cambiare. E anche se le frecciatine ci sono ancora non ho più paura grazie ai miei migliori amici e alla mia ragazza.

Ethan, 55

Lucca

Sono stato oggetto di minacce, offese, aggressioni verbali e fisiche, prima come lesbica, poi come Trans FtM da parte di un condomino abitante nel mio stesso palazzo. Ho sporto denuncia, ho chiesto aiuto e protezione, senza ottenere nulla. Alla fine, dopo oltre tre anni e dopo essere stato spedito al pronto soccorso dal mio stalker, ho dovuto cambiare casa, che per una persona sola come un cane e senza reddito, è una cosa complicatissima, faticosissima e quasi impossibile da realizzare. Mi sono indebitato per sfuggire al mio persecutore! Ho dovuto cambiare tutto, a 55 anni e senza avere alcuna colpa. E questo è solo l'ultimo episodio rilevante.

Liana , 52

Roma

Sono una mamma di una ragazza di 30 anni che fino ad ora era una ragazza "normale" conviveva con un ragazzo e si parlava di matrimonio e figli. Poi le cose sono cambiate e da sola ho dovuto capire che a mia figlia era successa qualcosa e che nonostante fino al giorno prima potevamo dirci tutto eravamo diventate quasi estranee. Sono io che mi sono avvicinata a lei col sospetto di quello che stava accadendo. La prima reazione è stata quella di chi ha ricevuto un mattone in viso.Dopo un primo momento di smarrimento ho iniziato a ragionare da mamma. Ho preteso che andasse da una psicologa perchè volevo che lei capisse chi veramente era dicendole che qualsiasi cosa lei avrebbe scoperto e deciso io sarei stata la sua migliore alleata e il suo più accanito difensore ... Ancora non so se mia figlia ha definitivamente capito chi è realmente ma ora la vedo serena ed è questo quello che conta. Confidatevi con le vostre mamme capiranno prima ciò che vi strugge e forse avrete una super alleata...

Dani, 26

Bergamo

Vorrei sentirmi tutelato dalla legge Italiana, vorrei che le persone non si sentissero autorizzate ad offendermi così gratuitamente solo perchè sono gay. Come si può essere così arretrati su un tema del genere? Ultimamente si sta parlando tanto della commissione voluta da Liliana Segre sull'odio e il razzismo, vorrei che venisse discussa anche la situazione della comunità LGBT. Ogni forma d'odio deve essere punita!

-, 22

Parma

Quanto odio circola in rete? Ma sopratutto quanta ignoranza? Chi non conosce questo argomento parla solo per aprire la bocca!!! E in più si ricevono insulti da bambini di 15/16 anni che non sanno nemmeno di cosa stanno parlando! Perché io devo subire le vostre offese e la vostra ignoranza solo perché appartengo alla community LGBT?? Cosa vi elegge "difensori della patria e del costume"? Ma per piacere, crescete un po' e guardatevi attorno. Siamo tutti diversi (e meno male!). Solo che noi non siamo tutelati, anzi siamo la valvola di sfogo per molta gente frustrata!

Phil , 26

Milano

Milano è una città aperta e solidale, ma la mamma degli imbecilli è sempre incinta. Ieri ero in centro con un mio amico e una coppia di signori ci ha fissato persistentemente alla fermata del tram. Si ha sempre questa sensazione di essere guardati e giudicati per come ci si veste, con chi si va in giro, chi si ama. B-A-S-T-A

J, 28

Genova

Ricevo costantemente insulti sui social. Quando la gente non sa come controbattere, argomentando un'opinione, la risposta più gettonata è sempre "stai zitto forcio!". Non capisco come siamo arrivati al punto in cui utilizzare parole d'odio gratuitamente è ritenuta la normalità! Sicuramente il clima, istigato dai politici, non aiuta. LEGGE CONTRO L'OMOTRANSFOBIA SUBITO!

Sara, 24

Venezia

Il clima di odio in questi ultimi mesi è cresciuto in modo assurdo. Non riconosco più il mio paese, vorrei andarmene dall'Italia per vivere la mia vita come voglio senza essere giudicata perché amo una donna. Deve cambiare la cultura e si deve partire dai più piccoli: è impensabile andare avanti così!!!!!

carly, 26

Siena

In università c'è un tizio del mio corso che tutti i giorni mi fa sempre battutine sconce, frecciatine, allusioni perechè sono gay. Basta! va bene una volta ma perché continuare? Mi sta mettendo a disagio anche con gli altri, nessuno ride ed è fuori luogo. Ho provato a dirglielo ma non capisce. Il brutto è che nessun'altro gli dice nulla...

Manu, 25

Nuoro

Nel mio paese essere diverso è complicato, difficile e pericoloso. Meglio stare zitti e far finta di essere ciò che non si è... se no si rischia troppo, a volte anche la vita.

Robb, 20

Salerno

Ero sulla lungomare seduta su una panchina con la mia ragazza. Stavamo parlando, ci tenevamo la mano e a un certo punto ci siamo date un bacio. Lei nota una coppia etero sulla 50ina che camminando ci guardano inorriditi, lasciamo stare ormai abituate a certi sguardi. Mentre continuavamo a parlare notiamo che tornano indietro guardandoci ancora con quello sguardo, si siedono e qualche panchina di distanza dalla nostra. Avevano lo sguardo fisso su di noi al punto da farci spaventare. Ci siamo dovute alzare tanto l'imbarazzo e la paura che ci avevano provocato. Come al solito ci hanno fatte sentire male e sbagliate, quando non avevamo fatto assolutamente nulla di male.

Angela, 14

Milano

Non ho baciato la ragazza con cui stavo uscendo perché eravamo in una stazione di sera. C'era una coppia etero che si sbaciucchiava. Sono stanca. Non voglio dover sempre far attenzione a tutto: dove sono, con chi sono e che ora è per baciare una ragazza. Sono stanca. Dopo esserci lasciate gliel'ho detto, e lei mi ha risposto "anche io"